Home email novità
 


TERRA GRAMSCI - IGS Sardegna
dalla Sardegna al mondo, dal mondo alla Sardegna
rete associativa



Terra Gramsci è una rete associativa del Centro Sardegna sorta in Barbagia, ad Austis, Gavoi e Orgosolo, in dialogo con il gramscismo internazionale. Si ispira all’attitudine educativa del pensiero di Gramsci e al suo impegno per la promozione di una cultura popolare alta, che superi il distacco tra intellettuali e popolo, tra dirigenti e diretti.


Ultime notizie da Terra Gramsci


Archivio notizie







Ultime notizie da Terra Gramsci

Ricordando Giorgio Baratta

Associazione casa natale Antonio Gramsci - Ales

Casa Museo di Antonio Gramsci - Ghilarza

Terra Gramsci - IGS

Istituto Gramsci della Sardegna

presentano

Il nostro Gramsci

incontro con Eric J. Hobsbawm di Giorgio Baratta, immagini di Massimiliano Bomba

Gramsci Bartók - dialogo in contrappunto

testi di Antonio Gramsci e Tania Schucht, montati e commentati da Giorgio Baratta
adattamento di Clara Murtas con le voci di Mario Faticoni e Clara Murtas, al pianoforte Silvia Corda

 8 maggio, 18:30
Teatro La Vetreria in viale Italia - Pirri - Cagliari

Interverranno i rappresentanti delle associazioni gramsciane con:
Gisele Theye Baratta, Vladimiro Baratta, Rina Fancellu Pigliaru,
Comitato Archivio Antonio Pigliaru, Giulio Angioni, Luciano Uras e Salvatore Lai.

Clicca qui per visualizzare l'invito all'evento.






Voglio ricordare Giorgio per l’impegno comune  profuso nella costituzione della Rete associativa Terra Gramsci – IGS Sardegna , “dalla Sardegna al mondo dal mondo alla Sardegna”, di cui Giorgio era Presidente, fondatore e principale animatore.

Conobbi Giorgio il 27 aprile 2003 in un convegno di studi organizzato a Ghilarza dal Partito della Rifondazione Comunista sul tema “Rileggere Gramsci nel tempo della globalizzazione”.

Nel 2003 a Ghilarza, fui attratto dal modo con cui gli studiosi della IGS, ci proponevano una rilettura di Gramsci essendo considerato il massimo studioso della filosofia della prassi e della emancipazione delle classi subalterne, per questo studiato in India e in America latina, capace di interpretare il proprio tempo. 

Nel 2003 a Ghilarza Giorgio disse: “sarebbe bello” fare un convegno internazionale in Sardegna, fare arrivare studiosi da tutto il mondo e studiare Gramsci nella sua terra, dove trascorse la sua infanzia ed adolescenza. Questo era l’orientamento di tutta la IGS.

Nel 2007 il 3° congresso mondiale della IGS si tenne tra Cagliari e Ghilarza, in occasione del settantesimo anniversario  della morte: vi parteciparono circa 100 studiosi provenienti da tutto il mondo.  Il 2007  vede il ritorno di Gramsci in Italia e in modo particolare in Sardegna ,  20 anni dopo la nascita della IGS. Giorgio disse: “sarebbe bello” che dopo le grandi iniziative gramsciane ,in tutta la Sardegna si costituisse  una associazione che si proponesse di diffondere a tutti i livelli , non solo accademici, il pensiero gramsciano con iniziative permanenti e itineranti  e di promuovere una scuola per un  “nuovo senso comune”.

Grazie all’incontro tra la IGS, le associazioni gramsciane sarde, significative iniziative nei comuni della Barbagia e i “Ragazzi della speranza”  nasce, come filiazione della IGS, “Terra Gramsci”.

 Si costituisce formalmente presso la Facoltà di Scienze politiche di Cagliari il 3 gennaio 2008. 

“E’ una rete che ha il suo cuore nella aggregazione di Comuni, Associazioni, Iniziative in Barbagia.

Finalità di Terra Gramsci è la sperimentazione  e la formazione di un nuovo senso comune, che riconosca la centralità di idee-guida capaci di opporsi alla egemonia della costruzione mediatica oggi imperante, alla confusione letale tra pubblico e privato, tra economia e politica, tra sovranità e diritto. Ci riferiamo alla necessità di rilanciare il concetto di bene comune, dentro un lungo e complesso percorso. Proponiamo Gramsci per la sua capacità di leggere il proprio tempo e di coinvolgerlo nelle lotte democratiche per la trasformazione della società esistente”.

Questo ha scritto Giorgio Baratta recentemente, lasciandoci un bellissimo testo per chiedere l’adesione alla nostra associazione.

Giorgio, conoscitore e innamorato da sempre della Sardegna, attraverso gli studi gramsciani e il lavoro di Presidente della IGS e di Terra Gramsci, rafforzò il suo interesse culturale e il suo legame per l’isola.

L’ottimismo della volontà e l’entusiasmo coinvolgente erano caratteristici della personalità umana e intellettuale Giorgio, che emergevano anche nelle situazioni difficili insieme al suo sorriso.

 Un amico comune ha definito Giorgio un “costruttore di utopie”. “Costruttore” grazie alla sua passione per il genio di Leonardo,  l’arte e la musica;  “di utopie” grazie alla sua passione per la filosofia.

Voleva portare Gramsci al di fuori della accademia, dove spesso è stato relegato, per favorire la consapevolezza che la cultura e lo studio sono fondamentali per la presa di coscienza delle classi subalterne, che devono promuovere una  “cultura popolare alta”.

Pasquale Voza ha definito Giorgio un “comunista dentro”,  interiore, non simbolico ed esteriore. Era generoso e disinteressato, altruista, coinvolgente. Amava la vita in  tutti i suoi aspetti. Non ha mai visto difficoltà insormontabili. Era gentile e faceva sentire il suo interlocutore importante e unico, perché aveva la grande capacità intellettuale e umana di cogliere l’unicità di ciascun individuo.

Con l’ottimismo della volontà ha affrontato anche la sua malattia , con grande dignità, coraggio e razionalità. La settimana precedente alla sua morte, gli comunicai la decisione di Terra Gramsci di organizzare in Sardegna un convegno sulla scuola e sulla cultura, manifestò felicità ed  entusiasmo e ci incoraggiò a proseguire nella strada intrapresa. Nel 2007 fondò, con Terra gramsci, la “Scuola Itinerante per un nuovo senso comune”.

 E’ stato bello ed entusiasmante lavorare con lui.

Spesso ci sorprendeva e sono certo ci sorprenderà anche in futuro.

Sotto la sua guida è stato ultimato il primo documentario di una collana : “ Terra Gramsci” , sul tempo e l’immagine, girato dal documentarista Robert Cahen.

Durante le iniziative del 70° anniversario della morte di Gramsci diceva:

sarebbe bello… costituire un’associazione gramsciana nel  centro Sardegna,  nacque Terra Gramsci; sarebbe bello se Hosboom e Maria Lai accettassero la presidenza onoraria, sarebbe bello intervistare e tesserare Stuart Haal , coinvolgere le scuole e i “ragazzi della speranza”,  costituire la Scuola Itinerante per un Nuovo senso Comune” , invitare  i sudamericani in Terra Gramsci nel centro Sardegna , fare un convegno su Antonio Pigliaru, ottenere l’ adesione di altri sindaci, coinvolgere altri comuni e le Università.  Tutto ciò è stato fatto.

Certo la strada intrapresa sarà lunga e difficile senza Giorgio, ma possiamo farcela anche grazie al suo insegnamento e al suo esempio; in realtà è stato un maestro per molti in varie parti del mondo, ma non voleva essere al di sopra di nessuno, era fraterno con tutti; assegnava un ruolo paritario a tutti.  Sarebbe bello creare un “nuovo senso comune”, costruire un progetto per la “Casa del Bene Comune” come indica nel suo ultimo testo, a sintesi di un dibattito che dura da anni.

Terra Gramsci è la sua ultima “invenzione” . Ci impegneremo  perché continui a vivere.

Le amiche, amici e compagni che hanno lavorato con Giorgio manifestano la volontà di continuare il percorso intrapreso. Il suo entusiasmo e la sua capacità di coinvolgerci sono sempre presenti.

 

 

Oristano 30-01-2010                                                                     Francesco Carta

 

 

 

 

Terra Gramsci: Rete associativa – Scuola Itinerante per un nuovo senso comune

Ales, Austis, Gavoi, Ghilarza, Orgosolo, Santu Lussurgiu, Sorgono, Roma

Sede operativa: Comune di Gavoi 08020 Nuoro, tel. 3382870647, sindacogavoi@virgilio.it (Salvatore Lai) Sede legale:Oristano

Ufficio Presidenza/Segreteria: gbaratta@imageuro.net, karta.frank@tiscali.it

Presidenza Onoraria: Eric Hobsbawm, Maria Lai

Presidente: Giorgio Baratta.      Vicepresidenti: Lucia Chessa, Salvatore Lai          Segretario generale: Francesco Carta





 







Inizio Pagina