Associazione Casa dei Popoli, Molfetta

 IV edizione di Senza memoria non c'è futuro


  Gramsci, il pensiero lucido
  L'uomo, le idee, la storia a 70 anni dalla morte

 

Nell’ambito della IV edizione di Senza memoria non c’è futuro, l’Associazione Casa dei Popoli di Molfetta ha ritenuto di intraprendere il suo Viaggio nell’antifascismo e nelle resistenze di ieri e di oggi, avendo come “grande timoniere” Antonio Gramsci, o meglio il suo pensiero lucido.

A settant’anni dalla morte di uno dei protagonisti dell’antifascismo e della Resistenza italiana, certamente il più conosciuto e studiato all’estero, la Casa dei popoli ha voluto proporre una rilettura, e forse un primo approccio al suo pensiero e alla sua vita.

Antonio Gramsci. Il pensiero lucido è un progetto partito dalla consapevolezza, verificata nella pratica quotidiana, della scarsa diffusione, ma soprattutto conoscenza del pensiero gramsciano in Italia.

Un’impresa che si prefigge l’ambizioso obiettivo di offrire un contributo alla conoscenza del Gramsci uomo, politico, pensatore, soprattutto indirizzato alle giovani generazioni. Un tentativo che ha come punto fermo la convinzione che l’autorevolezza del pensiero e l’umanità del vissuto siano tutt’oggi attuali.

L’aspetto più complicato da affrontare in questa “avventura” è stato certamente la scelta del metodo e delle forme attraverso cui far conoscere Gramsci, affinché non apparissero severe per i giovani: la “spettacolarizzazione” del pensiero gramsciano non ha mai sfiorato i curatori del progetto, viceversa incessante è stato il tentativo di rendere l’iniziativa fruibile ai più.

Si è scelto di prediligere la forma multimediale: alle riflessioni degli studiosi vengono affiancate le suggestioni dell’immagine filmica; alla scientificità della mostra documentaria si affianca la libertà dell’interpretazione teatrale.

Se da qualche decennio Gramsci è stabilmente inserito – come sostiene E. J. Hobsbawm, il più importante storico vivente – nell’«elenco degli autori di tutto il mondo le cui opere sono più frequentemente citate nella letteratura internazionale di arte e di umanità», allora non solo è innegabile il valore intellettuale del pensatore, ma è soprattutto inammissibile che in Italia, tra i banchi di scuola e dell’Università, nelle sedi dei partiti, delle associazioni in generale, trovi ancora così poco spazio l’immenso bagaglio di intuizioni politiche e culturali di questo grande rivoluzionario.

  Programma della manifestazione

  Venerdì 13 Aprile

 (Presso la Fabbrica  S. Domenico)

  ore 19.00

 Apertura della mostra-convegno e saluto dell'Assessore alla Cultura della Provincia di Bari Vittorino Curci

 ore 19.30

 Intellettuali e rivoluzione passiva: Il problema politico della soggettività. 

Conversazione con Pasquale Voza, Università di Bari, direttore del Centro interuniversitario di studi gramsciani

 

 Lunedì 16 Aprile

(Presso la Casa dei Popoli)

  ore 21.00

 Proiezione: Antonio Gramsci. Gli anni torinesi (1997) dell'Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza di Torino

 

  Giovedì 19 Aprile

(Presso la Fabbrica di S. Domenico)

  ore 19.00

 Da Andria contadina a Torino operaia di Alfonso Leonetti  ed. Palomar (2007)

Conversazione con il curatore Michele Palumbo

 

  Venerdì 20 Aprile

(Presso la Fabbrica  S. Domenico)

  ore 19.00

 Gramsci e il concetto di egemonia tra mondo globale e nuove relazioni internazionali

Conversazione con Isidoro Mortellaro, Università di Bari

  ore 20.30

 Proiezione: Gramsci, film in forma di rosa, (2005) di Gabriele Morleo e discussione con l'autore

 

  Lunedì 23 Aprile

(Presso la Casa dei Popoli)

  ore 21.00

 Proiezione: Antonio Gramsci, i giorni del carcere, (1977) di Lino del Fra

 

  Giovedì 26 Aprile

(Presso la Fabbrica  S. Domenico) 

  ore 19.00

 La scrittura in prigione. Le lettere "antiepistolografiche" di Antonio Gramsci

Conversazione con: Lea Durante, Università di Bari. La rosa è viva. Dialoghetto tra Antonio Gramsci e Tonia Schucht.

Montato da Giorgio Baratta, effetti scenici di Massimiliano Bomba

 

La mostra sarà visibile da Venerdì 13 a Domenica 29:  dal Lunedì al Sabato, mattina 10-12, sera ore 18-21